Money Management o gestione del rischio

Cos’è il money management?

Adesso cerchiamo di capire affondo che cos’è Il money management e come gestire il rischio sul proprio capitale – Possiamo semplicemente racchiudere questo termine in una serie di tecniche strategiche con il solo fine di massimizzare i profitti – a prescindere dall’ammontare del capitale investito.
Dobbiamo segmentare il money management in due grandi categorie:

  • Il Risk management: Ovvero il fattore che analizza i rischi che corre il capitale investito, in base alla posizione aperta sul mercato.
  • il Position sizing: o meglio il fattore che determina il capitale da investire in ogni singola posizione e la relativa ripartizione sui vari asset.

Il money management o gestione del rischio svolge non solo la funzione di proteggere le finanze, ma è utile a velocizzare la scelta dell’investitore che, con gli opportuni calcoli, valuta la profittabilità di un investimento.

Storicamente la tecnica del money management è nata con l’intenzione di ridurre le spese di risparmiatori, investitori, imprese ed istituzioni che non aggiungono valore significativo allo standard di vita, al portafoglio investimenti sul lungo tempo oppure al titolo degli asset posseduti. In sostanza un insieme di strategie con l’obbiettivo ci apportare scelte errate al patrimonio posseduto

Il grande Warren Buffett, l’esperto di finanza per antonomasia, conosce l’importanza del money management , infatti in uno dei suoi documentari ha scoraggiato gli investitori propensi ad approvare solo  investimenti «frugali».

money management

Richiami teorici sul money management

Come abbiamo già intuito i trader che investono considerando il money management cercano di mettere al riparo il proprio capitale.
Come sabbiamo ogni trader cercherà una strategia differente, basata sulle proprie conoscenze e esigenze e sugli obiettivi da raggiungere

Però ci sono dei punti cruciali, che sono l’ABC per ideare ogni strategia di trading basata sul money management, scopriamoli assieme:

  • In primis il capitale deve essere adeguato allo strumento finanziario su cui si è deciso di investire;
  • La regola del 2/3% del proprio portafoglio per azione;
  • Utilizzare sempre lo stop-loss, in questo modo si limiteranno le perdite usato in strumenti quali il FOREX e CFD
  • Capire il rischio massimo per il portafoglio, detto drawdown;
  • Dobbiamo definire in modo approfondito il mercato sul quale si è deciso di investire quindi una visione macroeconomica o analisi fondamentale
  • Assolutamente considerare ogni operazione come singola e non in relazione alle precedenti, altrimenti siamo preda della nostra psicologia
  • Se siamo in profitto dobbiamo chiudere parte delle posizioni aperte.

    Abbiamo appena definito i cardini del money management, queste sono le basi che ogni trader dovrebbe conoscere. Per entrare nel vivo dell’argomento, focalizziamoci su un esempio pratico.

Esempio Money Management

Ora signori con questo esempio chiariamo le idee e mostriamo l’importanza del Money Management.

Come abbiamo precisato, Una delle regole fondamentali del money management, come abbiamo detto prima, non dobbiamo mai rischiare più del 2-3% del proprio capitale su un singolo posizionamento.
Con la tabella vediamo la differenza tra rischiare una piccola percentuale del capitale rispetto al rischio di una elevata percentuale.

TradeTotale2% di rischioTradeTotale10% di rischio
Contoper tradeContosu ogni trade
1$20,000$4001$20,000$2,000
2$19,600$3922$18,000$1,800
3$19,208$3843$16,200$1,620
4$18,824$3764$14,580$1,458
5$18,447$3695$13,122$1,312
6$18,078$3626$11,810$1,181
7$17,717$3547$10,629$1,063
8$17,363$3478$9,566$957
9$17,015$3409$8,609$861
10$16,675$33310$7,748$775
11$16,341$32711$6,974$697
12$16,015$32012$6,276$628
13$15,694$31413$5,649$565
14$15,380$30814$5,084$508
15$15,073$30115$4,575$458
16$14,771$29516$4,118$412
17$14,476$29017$3,706$371
18$14,186$28418$3,335$334
19$13,903$27819$3,002$300

e cosi via…

Notiamo subito una differenza abissale tra il rischiare il 2% del vostro conto rispetto al rischio del 10%
Se capita una serie negativa di trade perdendo per 19 operazioni di seguito vi trovereste ad avere sul conto solo 3.002 dollari rischiando il 10% su ogni transazione e muovendo da un conto iniziale di 20.000 dollari.

Infatti in questo modo perdereste oltre l’85% del vostro conto. Diversamente Se aveste rischiato solo il 2% avreste ancora 13.903$ – per una perdita complessiva pari al 30% del totale del conto.

Ovviamente abbiamo estremizzato perdendo 19 operazioni di fila. Ma anche con una perdita di 5 posizionamenti consecutivi ci si presenta un’enorme differenza tra il rischiare il 2% e il 10% del proprio capitale.

Signori da dopo 5 perdite consecutive feriamoci perchè c’è qualcosa che non va nella strategia applicata.